CHI SIAMO - CAMORCHESTRA

Vai ai contenuti

Menu principale:

CHI SIAMO

La realizzazione di questo gruppo è il risultato di un particolare percorso musicale, ottenuto da una lenta ma decisa trasformazione stilistica, e da un impegno costante.
Circa 5 anni or sono, infatti, la formazione si poteva considerare idonea a rispondere alle normali richieste di tipo musicale popolare: allietare momenti di aggregazione sociale, sportiva, o ricorrenze nazionali. Era sostanzialmente un'orchestra di fiati, avente funzione di Banda Cittadina, ma con un organico strumentale difficilmente completo, a causa di una difficoltà di fondo nell'individuare ed aggregare musicisti.
Questa particolare condizione, ha favorito paradossalmente la crescita e il rafforzamento delle sezioni degli ottoni e delle ance, facendomi sempre più percepire una sonorità duttile e flessibile, ma nel contempo grintosa e potente, e portandomi alla decisione di virare, col repertorio, in direzione decisamente più moderna. Nel contempo ho pensato che la musica proposta da un'intera orchestra che suona dal vivo, avrebbe suscitato comunque un certo interesse, anche a livello popolare, ed ho deciso la "trasformazione".
Rimaneva la difficoltà di mantenere un grande organico orchestrale, ma l'impegno costante ed assiduo dei musicisti, mi hanno fatto pensare al Jazz, alle grandi orchestre Swing, e alla musica di radice nera che tanto amo.
Il forte entusiasmo dei musicisti mi ha aiutato a fissare l'idea definitiva dell'organico: una Big-Band, ma con la sezione ance allargata dai flauti e clarinetti. L'inserimento del Basso Elettrico, Chitarra Elettrica, e della batteria, in sostituzione dei tradizionali ottoni di accompagnamento, ha reso flessibile l'organico e ne ha aumentato l'agilità nei fraseggi, a tal punto da permettere alla CAM di spaziare ulteriormente nello stile.
Il lavoro più difficile è stato il miglioramento dei fraseggi con lo scopo di insegnare il linguaggio Swing, i colori e le inflessioni stilistiche, la gestione degli effetti e le interpretazioni degli arrangiamenti, elementi poco naturali a musicisti non esperti ascoltatori di Jazz, ma la volontà di riuscita degli esecutori ha dato grandi risultati.

Il Direttore Artistico - Gastone Bortoloso


 
Torna ai contenuti | Torna al menu